IL NONI  (M O R I N D A    C I T R I F O L I A)

Fonte: http://www.naturalia.net/


L A   M O R I N D A    C I T R I F O L I A

La Morinda Citrifolia comunemente chiamata Nonu o Noni è ritenuta una delle più grandi scoperte degli  ultimi decenni nel campo delle cure naturali. Negli USA, Germania, Australia, Olanda, Sud America e tanti altri paesi viene utilizzata nei moderni protocolli medici alternativi e non, in una vastissima gamma di problemi di salute, nonché nell'alimentazione quotidiana. La Noni Italia, giovane azienda e già leader nel settore di prodotti derivati dalla Morinda Citrifolia vuole sottoporre all'attenzione degli addetti al settore questo fantastico prodotto dalle insolite quanto incredibili proprietà, collocandolo in un particolare ambito con una nuova denominazione (almeno in Italia): prodotto adattogenico. La Noni-Italia cosciente della riluttanza del mercato ad "assorbire" e rendere proprie le nuove scoperte in un campo in continuo sviluppo ed ormai "inflazionato" come la naturopatia, alimentazione olistica, omeopatia, ecc., raccoglie la sfida proponendo l'utilizzo di questi rivoluzionari prodotti per due particolari problemi di salute in particolare, che, almeno fino ad ora , non hanno trovato rimedi efficaci o senza controindicazioni: patologie di natura infiammatoria-dolorose, problemi gastrici di qualsiasi genere. Vogliamo sottolineare che le applicazioni del Noni sono ben più vaste, ma finirebbero per confondere le idee o renderlo un prodotto "generalistico".

Utilizzate il Noni in casi disperati o in casi che Voi ritenete possano essere significativi, fate assumere il Noni per 30 giorni, vedrete dei risultati esaltanti!

Non vi è alcun dubbio che la dispersione geografica estesa ed il vastissimo uso della Morinda Citrifolia nelle regioni tropicali, dimostra e testimonia, l'attendibilità che offre questa preziosissima medicina d'erboristeria. Mentre ulteriori ricerche sugli attributi biochimici sono garantite, ciò che è già emerso fornisce convalidazione sostanziale sul proprio valore medicinale. Le teorie enzimatiche del Dr. Heinicke garantiscono studi supplementari, ma la sua ricerca e la sua esperienza hanno effettivamente innalzato lo status della pianta di Nonu come una fonte di guarigione straordinaria. Ciò che le civiltà delle isole del Sud Pacifico sapevano e praticavano per generazioni dovrebbe essere incorporato nella ricerca moderna per il totale sradicamento delle malattie, premiando il completo avanzamento della salute dell'umanità.

Cominciate a conoscerlo, ad utilizzarlo solo in certi casi, capirete perché nei paesi dove il Noni è ormai conosciuto ed utilizzato è divenuto così popolare, diventerà per Voi il prodotto del XXI secolo!

".......usate il Noni per il diabete, ipertensione, cancro e tante altre malattie..."
Prof.ssa Isabella Abbott
Università delle Hawaii

".......come medico ho visto la Morinda Citrifolia generare significativi e profondi benefici terapeutici nella prevenzione ed automedicazione di una vasta gamma di problemi di salute..."
Dott. Steve Schetcher
Naturopata

"....... il suo potere antinfiammatorio è stato provato nei più avanzati laboratori scientifici degli USA dove il Noni viene comunemente chiamato l'aspirina Hawaiana..."
"Il Messsaggero"
22/10/1999

SINGOLARE, SEMPLICE E PURO
· E' UNA NOVITA' ASSOLUTA SUL MERCATO
· E' STATO USATO PER PIU' DI 2000 ANNI
· E' OGGETTO DI CONTINUA RICERCA DA PARTE DEGLI SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO

Cos'è il Nonu
Fin dall'inizio dei tempi nel Regno di Tonga, Madre Natura ha pazientemente creato il suo più grande miracolo. NONU! Il Nonu è conosciuto fra gli scienziati come Morinda Citrifolia. Il Nonu è la pianta sacra degli sciamani polinesiani. Dalle ricche e vergini terre delle Isole dell'Amicizia provengono i nostri prodotti, ricchi di fitonutrienti, antiossidanti, minerali e vitamine. La scoperta del Nonu fatta negli ultimi anni ha messo in moto un'incredibile catena di eventi.

A cosa serve il Nonu
La pianta di Nonu, veniva e viene utilizzata dalle popolazioni del Sud Pacifico sia come alimento sia come ricostituente, grazie alle sue qualità., genuinità e benefici.
Gli antichi abitanti delle isole del Sud Pacifico nei loro viaggi da isola in isola usavano portare con se cibi che li potessero nutrire nonché proteggere, tra questi alimenti vi era il Nonu. Il Nonu era altamente valorizzato per le sue qualità salutari, gli antichi manoscritti tramandati di generazione in generazione citano il frutto di Nonu come il primario ingrediente nelle loro preparazioni giornaliere.
Tra le enormi varietà di piante la pianta di Nonu è ritenuta la madre di tutte le piante, per oltre 2000 anni i polinesiani hanno utilizzato la pianta del Nonu per nutrirsi e creato rimedi efficaci contro centinaia di malattie guadagnandosi il titolo di pianta sacra.
Una cosa deve essere ben chiara, per quanto potente ed efficace, il Nonu non è un farmaco ma un alimento semplice, naturale e puro.

Cosa contiene il Nonu
Incuriositi dai miracoli secolari compiuti dal Nonu, i ricercatori hanno cominciato a fare studi sul Nonu sperando di svelare i segreti ed i notevolissimi benefici che ha sul corpo umano.
Da queste ricerche è emerso qualcosa di incredibile: il Nonu contiene vitamine, minerali, enzimi, oligoelemeti e steroli, si è scoperto inoltre, che il Nonu contiene l'intero spettro di aminoacidi, che fanno di essa una perfetta fonte di proteine.

Perché funziona il Nonu
Il mondo occidentale cominciò a scoprire i numerosi benefici del Nonu già nel 1950, grazie a Ralph Heinicke dottore e biochimico. Cominciò la ricerca e lo studio dei componenti del Nonu e continuò gli studi circa 50 anni più tardi. Le sue scoperte hanno qualcosa di affascinante. Per primo scoprì un alcaloide che chiamò xeronina. La xeronina si trova nelle cellule sane dei microrganismi, piante, animali ed esseri umani. La xeronina assume un ruolo fondamentale affinché tutte le cellule del corpo funzionino correttamente, consentendo alle proteine di eseguire i loro compiti. Gli esseri umani possono attingere la xeronina dagli alimenti, ma molti ricercatori, incluso Heinicke, sostengono che non sia sufficiente.; a causa dell'impoverimento dei terreni, l'utilizzo di fertilizzanti chimici, molte sostanze nutrienti sono andate perdute quasi del tutto tra cui la xeronina In una dieta povera, lo stile di vita stressante e l'invecchiamento cellulare possono richiedere l'aumento di fabbisogno e l'insufficiente apporto di xeronina.
La mancanza di xeronina, come di tanti altri, elementi, può comportare l'insorgere di malattie, stanchezza e peggioramenti dello stato di salute.
Poche innovazioni hanno catturato l'interesse del mondo intero con un tale impeto. Dopo molte ricerche, il Nonu è divenuto ciò che gli abitanti del Sud Pacifico sapevano da tempo - un dono della natura degno della nostra più grande attenzione.

Benefici del Noni Juice per patologia.
(Sondaggio su oltre 8000 pazienti)

Tratto da: The Tropical Fruit with 101 Medicinal Uses.
Dr Neil Solomon,
New York Times, best-selling author,
Commentatore della CNN-TV Health,
Primario dell'Istituto di Igiene Mentale del Maryland,
Assistente presso il John Hopkins Hospital.

Condizioni che hanno reagito al NONI Numero di pazienti per patologia Percentuale che ha ricevuto benefici Principio attivo
- Allergia, diminuzione dei sintomi 948 84% Xeronina
- Anti-invecchiamento, migliore aspetto 148 78% Terpene
- Artrite, diminuzione dei sintomi 719 81% Terpene
- Respiro, miglioramento 2854 77% Xeronina
- Cancro, diminuzione dei sintomi 889 65% Xeronina
- Depressione, diminuzione dei sintomi 807 77% Xeronina
- Diabete, tipo 1 e 2 2773 84% Scopoletina
- Digestione, miglioramento 1593 89% Xeronina
- Energia, aumento 8327 92% Xeronina
- Malattie cardiache, diminuzione dei sintomi 1123 80% Xeronina
- Ipertensione arteriosa, diminuzione dei sintomi 938 85% Scopoletina
- Problemi renali, miglioramento 2372 67% Xeronina
- Muscoli, aumento della massa muscolare 816 71% Proteine
- Obesità, perdita peso in eccesso 2841 75% Xeronina
- Dolori, incluso mal di testa, diminuzione 4231 88% Xeronina
- Sessualità, aumento del desiderio 1608 87% Xeronina
- Fumo, aiuto per smettere 452 58% Xeronina
- Sonno, miglioramento 1231 73% Xeronina

Quantità di NONI Juice da assumere per una corretta terapia.
(Riferito al Nonu aromatizzato)
Tratto da: The Tropical Fruit with 101 Medicinal Uses.
Dr Neil Solomon,

Dose per il test : 3 giorni
Cucchiaini di NONI Juice

Adulti (sopra i 16 anni)
Prima della colazione 1
Prima di cena 1

Bambini (sotto i 16 anni)
Prima della colazione 1

Dose di carico: 1 mese
Once (30 gr.) di NONI Juice

Adulti (sopra i 16 anni)
Prima della colazione 2
Prima di cena 2

Bambini (sotto i 16 anni)
Prima della colazione 1
Prima di cena 1

Dose terapeutica: dal 2° mese al 6° mese
Once (30 gr.) di NONI Juice

Adulti (sopra i 16 anni)
Prima della colazione 2
Prima di cena 1

Bambini (sotto i 16 anni)
Prima della colazione 1
Prima di cena 1/2

Dose di mantenimento e prevenzione
Once (30 gr.) di NONI Juice

Adulti (sopra i 16 anni)
Prima della colazione 1
Prima di cena 1

Bambini (sotto i 16 anni)
Prima della colazione 1

La quantità di NONI Juice per gli animali al di sotto dei 45 Kg. È da considerasi uguale a quella dei bambini.


- NONU -
Il vero adattogenico della natura che viene direttamente dalle Isole del Sud Pacifico.
(Morinda Citrifolia)
di Steve Schetchter, N.D., H.H.P.
Tratto da: Total Health Magazine (USA)

L'albero Morinda Citrifolia sta provocando entusiasmo nel mondo dell'industria del benessere naturale. La Morinda Citrifolia, conosciuta nelle Isole del Sud Pacifico come Nonu e Nono, viene comunemente riferito come Noni. Il Nonu reca giovamento per la prevenzione e/o per l'autotutela del proprio benessere da un'ampia gamma di problemi riguardanti la salute.
I vantaggi diffusi del Nonu sono stati constatati per tutte le isole dei Caraibi e del Sud Pacifico e dappertutto in Cina. Durante la dinastia degli Han in Cina, duemila anni fa, esistevano documenti scritti per quanto riguarda i benefici del Nonu. La pianta del Nonu è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute.
Delle tantissime piante che crescono rigogliosamente in queste isole, la "madre" di tutte le piante curative è il Nonu, conosciuto come Noni in alcune delle altre isole. Sebbene il Nonu cresca dovunque nelle isole del Sud Pacifico, il Nonu di qualità
superiore cresce meglio nella terra sommersa da cenere vulcanica altamente nutriente e che si trova nelle isole esotiche di Tonga, Figi, Tahiti, Marquesas, Cook, Salomone, Samoa e le Hawaii con il loro splendido clima lussureggiante ed acque incontaminate.
Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la "pianta sacra". Dai secoli dei miracoli nel mondo naturale alle accurate indagini nei laboratori scientifici, il Nonu ha prodotto risultati incredibili. Il Nonu contiene vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici, co-fattori e steroli di piante che si presentano ed appaiono in modo naturale. Inoltre, le foglie e le radici del Nonu contengono l'intero spettro degli aminoacidi rendendo tutti i prodotti che ne derivano una perfetta e completa fonte proteica.
Perché funziona tanto bene il Nonu? Io credo che sia un favorevole effetto sinergico di tutti questi potenti ingredienti naturali che lavorano insieme tra loro come una squadra od orchestra perfetta ed in armonia. Altri affermano che contiene l'alcaloide xeronina e il suo enzima necessario che è la proxeronase. Nessuno sa esattamente perché il Nonu offre tantissimi benefici in materia di salute. Il punto focale da ricordare è che il Nonu funziona. Ugualmente importante è l'approfondita ricerca scientifica che conferma l'efficacia e la sicurezza del Nonu.
I Kahunas o gli appassionati di medicina tradizionale usano questa pianta per una grande varietà di problemi di salute come il sollievo dal dolore, la sinusite, artrite, disturbi alla digestione, raffreddori, influenza, encefaliti (anche emicrania), infezioni varie, problemi
mestruali, ferite, malattie cutanee, cardiopatia, diabete II e molte altri disfunzioni e malesseri.
L'albero del Nonu cresce dai 3 ai 6 metri in altezza. Le lucenti foglie venate sono verde scuro e ricche di clorofilla. I Kahunas spesso ammorbidivano le foglie sopra una fiamma all'aria aperta, le lasciavano raffreddare e le applicavano sulla pelle per curare i tumori o le infezioni.
I molteplici usi medicinali del Nonu divennero parte del folklore in quanto gli indigeni alludevano al Nonu come "l'albero della cefalea" e "l'albero antidolorifico"
. I Kahunas erano talmente coronati dal successo nell'utilizzare questo dono della botanica che questa pianta era diventata la forma principale di medicina per i Polinesiani per più di 1.500 anni. Il Nonu era identificato e riconosciuto come "l'erba sacra" per il corpo rigenerante. Questa saggezza curativa veniva trasportata di generazione in generazione.
Nel diciannovesimo secolo, gli erboristi tradizionali delle isole del Sud Pacifico spesso facevano le loro ricerche insieme ad altri maestri e mentori per 15 o 20 anni di continuo. Per causa della lunga durata ed intensità
di tirocinio e preparazione, il grado di preparazione medica ottenuto era considerato uguale a quello dei medici che provenivano da altre parti del mondo. Una volta completato il tirocinio e raggiunto un livello avanzato di competenza, veniva riconosciuto al "medico" il titolo di Kahuna, adottato generalmente per denominare i sacerdoti e professionisti. I medici Kahuna comprendevano erboristi (kahuna la'au lapa'au), chirurghi, ostetrici e massoterapisti.
Questi Kahunas conoscevano e rispettavano la natura ed "… erano esperti altamente specializzati con esperienza ed abilità
considerevole nel campo della diagnosi fisica e della farmacologia", secondo una relazione pubblicata nella Hawaii Medical Journal.
Comunque, non sono soltanto i maestri Kahuna che concordano circa il grande valore del Nonu. La Dottoressa Isabella Abbott, professore alla University of Hawaii affermava "
… usatelo per il diabete, la pressione del sangue, i tumori e molte altre malattie".

Il Nonu fa riserva di molteplici usi tradizionali che solamente adesso vengono confermati dalla scienza moderna.

Sono state condotte ricerche sul Nonu nelle istituzioni di primo piano in Francia, Paesi Bassi, Germania, Eire, Taiwan, Austria e Canada. Sono stati trascorse ore interminabili di sperimentazione alla University di Hawaii negli Stati Uniti. La ricerca sulla Morinda Citrifolia è stata anche eseguita nella prestigiosa National Academy of Sciences, il centro nazionale governativo per la ricerca nel campo delle scienze.
Le ricerche attuate nei paesi occidentali per quanto riguarda questa pianta straordinaria risalgono al 1950 quando la rivista scientifica Pacific Science ha osservato che il frutto del Nonu presentava delle proprietà antibatteriche contro M. Pirogeno, Ps. Aeruginosa e perfino il letale E. Coli.
Da quel momento la ricchezza d'informazione che sosteneva gli usi tradizionali ed i benefici salutari del Nonu è cresciuta tantissimo e tutto sembra confermare ciò di cui i Kahunas erano già a conoscenza da migliaia di anni.
Una sperimentazione approfondita ha mostrato le proprietà analgesiche (antidolorifiche) del Nonu. Ricerche ripetute da parte di esperti e documentate nella rivista Planta Medica (56(1990)430 4) ha reso manifesto che il Nonu reca tanto giovamento per i dolori.
La rivista Cancer Letter (73 (2-3) 1993, 161 6), aveva reso noto che la Keio University e la Institute of Biomedical Sciences in Giappone avevano rivendicato l'isolamento di un nuovo composto antrachinone da parte della Morinda Citrifolia chiamato damnacantale che provocava una morfologia normale ed una struttura citoscheletrica nelle cellule precancerose. In termini poveri, il Nonu ha invertito le cellule precancerose in normali cellule sane.
Ricerche significative sugli usi medicinali del Nonu sono state presentate durante l'ottantatreesimo, l'ottantaquattresimo e l'ottantacinquesimo convegno annuale della American Association for Cancer Research. Una relazione di grande riferimento presentata nel 1992 all'ottantatreesimo convegno a San Diego in California e redatto nel "
Proceeding of the American Association for Cancer Research" era la seguente: "L'Attività antitumorale della Morinda Citrifolia sul carcinoma polmonare di Lewis innestato per via intraperitoneale nei topi". In questo studio, i topi da laboratorio sono stati impiantati con il carcinoma polmonare di Lewis, un tipo di tumore. Tutti i topi non curati sono morti entro 9 12 giorni a causa del tumore. I topi trattati con il Nonu vissero dal 105% al 123% più
a lungo; circa il 40% di questi topi sono rimasti in vita per più di 50 giorni. Quest'indagine fu ripetuta per un numero illimitato di volte ed ogni volta il Nonu si manifestava a prolungare in modo significativo la vita dei topi malati contro quelli che non avevano avuto il Nonu. Detto semplicemente, il Nonu può inibire la crescita tumorale.

Gli studi indicano che il Nonu è utile per una miriade di condizioni:
· Produce effetti unici antidolorifici ed antinfiammatori.
· Regola la funzione cellulare e la rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate. Poiché il Nonu sembra operare a livello cellulare di base, è utile per una grande varietà di condizioni.
· Elimina e lotta contro molti tipi di batteri, come E. Coli.
· Stimola la produzione delle cellule T nel sistema immunitario. (Le cellule T svolgono un ruolo chiave nello sconfiggere ed annientare le malattie).
· Inibisce la crescita dei tumori cancerosi. Il damnacanthale, un composto trovato nella Morinda Citrifolia fu scoperto per inibire la funzione precancerosa.
· Genera proprietà adattogeniche.
· Stimola ed intensifica il sistema immunitario, compresi i macrofagi e componenti linfocitari vitali dei leucociti e dei meccanismi di difesa naturale del corpo.

Come terapeuta, ho personalmente notato che la Morinda Citrifolia genera profondi e rilevanti benefici curativi e medicamentosi verso la prevenzione e autotutela dei tantissimi problemi riguardante la salute.

Nonu ed il dolore
Il frutto del Nonu è stato adoperato per lungo tempo in modo efficace e sicuro per alleviare il dolore. Ricordate, due nomi tradizionali del Nonu erano "l'albero antidolorifico" e "l'albero della cefalea". Io ho trattato pazienti che soffrivano di dolori cronici dovuti a svariati fattori con il succo di Nonu. Inoltre, conservo moltissime testimonianze di persone che risiedono negli Stati Uniti e che hanno utilizzato il Nonu con successo per liberarsi dai dolori debilitanti.
In aggiunta alle migliaia e migliaia d'anni di uomini che usano con successo il Nonu per i dolori, la ricerca scientifica documenta gli effetti benefici del Nonu sul dolore. Nel 1990, i ricercatori hanno scoperto che "
la somministrazione dell'estratto di Morinda Citrifolia mostrava una significativa attività analgesica centrale nei topi relativa al dosaggio (generalmente, più ne prendi, più forte gli effetti S.S.)". Un analgesico è
una sostanza che riduce o elimina il dolore. I ricercatori proseguirono a sostenere che l'estratto di Nonu "non mostra alcun effetto tossico". Io ho notato che la Morinda Citrifolia cura dolori cronici intollerabili come le cefalee debilitanti, i dolori neuro-muscolari e delle articolazioni. In alcuni casi i risultati erano sorprendentemente veloci.
E' importante ricordare che il Nonu agisce bene come ottimo analgesico e antinfiammatorio. Il Nonu contiene due dei migliori antiossidanti - la vitamina C ed il selenio oltre alle altre sostanze che agiscono contro i radicali liberi irritanti ed infiammatori nel corpo, riducono l'infiammazione e diminuiscono il dolore notevolmente.
Mitch Tate, fondatore del Center for Lifestyle Disease e di Nonu International, Inc., è riconosciuto come il "padre del Nonu moderno" ed è un educatore sulla salute. Secodo Mitch, migliaia di persone in tutto il mondo che utilizza il Nonu stanno ricevendo sollievo naturale per le loro "sfide" nel campo della salute. Il Nonu era virtualmente sconosciuto fuori dalle isole del Sud Pacifico ma tutto questo è cambiato quando Mitch e sua moglie Laura hanno trascorso una vacanza a Tahiti nell'agosto del 1994.
Mitch stesso ha sperimentato gli effetti della pianta quando si era ferito la spalla contro una scogliera corallina ed adoperò una foglia di Nonu schiacciata come "cerotto". Incredibilmente, il dolore scomparve ed il taglio profondo si sanò velocemente senza infezione e senza lasciare cicatrice.
La tecnologia moderna ha confermato ciò che i guaritori Polinesiani sapevano da tempo. La Morinda Citrifolia è ricca di vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici co-fattori e steroli di piante. Fornisce anche composti di rafforzamento della salute come gli antiossidanti, i fitonutrienti ed i bioflavonoidi.
Steve Schetcher, N.D., H.H.P., è un medico naturopata, esperto della salute solistica, consulente e autore. Dirige la Natural Healing Institute, Inc., una clinica di naturpatia riconosciuta a livello mondiale che si trova a Encinitas, California. Lui è, inoltre, l'autore di testi bestseller come Fighting Radiation and Pollutants with Foods, Herbs and Vitamins (Come combattere le radiazioni e le sostanze inquinanti con i cibi, le erbe e le vitamine) Documented Natural Remedies That Boost Your Immunity and Detoxify (Vitality Ink., Encinitas, CA). (Rimedi naturali documentati che aumentano la vostra immunità e disintossicano).
Oltre ai benefici documentati elencati sotto, ci sono altre in aggiunta che comunque non sono ancora confermate dalle ricerche eseguite.

- Dolore- Cefalee- Diarrea- Vermi Intestinali- Tenia- Infezioni Polmonari- Disturbi agli Occhi- Febbre con Vomito- Gengivite- Mal di Gola con Tosse- Micosi Orale- Accessi- Tessuto Precanceroso- Tumore al Polmone- Ipertensione- Diabete II- Artrite- Antibiotico- Antimicrobico- Dolori Addominali- Mal di Schiena- Spasmo Tonico dopo la Gravidanza- Infezione alla Bocca - Mal di Denti (Odontalgia)- Ferite e Fratture- Foruncoli- Disturbi al Tratto Urinario- Gonfiore Addominale- Ernia Diaframmatica Perdita di Appetito- Inibisce Virus Epstein-Barr nelle fasi iniziali- Funzioni del Nonu- Riduce il dolore (analgesico)- Riduce l'infiammazione (antinfiammatorio)- - Rafforza il sistema immunitario- Pulisce il tratto gastrointestinale senza effetti collaterali dovuti ai farmaci- Regola la funzione cellulare- Rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate - Funziona a livello molecolare per riparare le cellule danneggiate- Migliora e aumenta il trasporto di ossigeno- Aumento notevole di energia- Migliora gli umori- Antibatterico- Anticatarrale- Anticongestivo- Astringente- Purifica il sangue- Emolliente- Diminuisce la pressione del sangue- Emmenagogo (Regola il ciclo mestruale)- Lassativo- Tonico- Inibisce la crescita dei tumori- Regolatore enzimatico e proteico- Produce benefici rapidi e potenti.

E' importante far rilevare che alcuni dei costituenti attivi del Nonu sono solubili quindi tendono ad essere eliminati tramite l'urina o la sudorazione. Uno studio ha mostrato che i costituenti del frutto del Nonu raggiungono la loro massima funzione curativa due ore dopo l'ingestione ed iniziano ad indebolirsi dopo quattro ore, eppure sono ancora attivi anche dopo 12 ore. Le implicazioni di questo studio concordano con le mie osservazioni cliniche che per ottenere i massimi benefici è consigliabile somministrare il Nonu (succo, capsule ecc.) parecchie volte a giorno in dosaggi scaglionati o divisi piuttosto che una o due volte al giorno. Ancora più importante, per ottenere risultati ottimali è meglio somministrare il Nonu, come altri tonici o erbe, continuamente e giornalmente come è sempre stato fatto tradizionalmente.
Copyright(c) Noni-Italia 1999-2000

Tratto da: Better Nutrition Magazine, Ottobre 1999
Earth Medicine di Tamra B. Orr

Se foste vissuti in una delle isole del sud Pacifico 2000 anni fa, la visita medica del dottore, o, in questo caso dello sciamano, non vi avrebbe dato alcuna ricetta, ma una buona dose di Noni (Morinda Citrifolia). Il Noni è un frutto con la forma simile ad un ananas. In alcune regioni come l'Australia e Bhurma ha avuto un ruolo fondamentale nella dieta e salute di quelle popolazioni.
Il mondo occidentale cominciò a scoprire i numerosi benefici del noni già nel 1950, grazie a Ralph Heinicke dottore e biochimico. Cominciò la ricerca e lo studio dei componenti del noni e continuò gli studi circa 50 anni più tardi. Le sue scoperte hanno qualcosa di affascinante. Per primo scoprì un alcaloide che chiamò xeronina. La xeronina si trova nelle cellule sane dei microrganismi, piante, animali ed esseri umani. Essa assume un ruolo fondamentale affinché tutte le cellule del corpo funzionino correttamente consentendo alle proteine di eseguire i loro compiti. Gli esseri umani possono attingere la xeronina dagli alimenti, ma molti ricercatori, incluso Heinicke, sostengono che non sia sufficiente. A causa dell'impoverimento dei terreni, l'utilizzo di fertilizzanti chimici, molte sostanze nutrienti sono andate perdute.
In una dieta povera, lo stile di vita stressante e l'invecchiamento possono richiedere l'aumento di fabbisogno e l'insufficiente apporto di xeronina. La mancanza di xeronina può comportare l'insorgere di malattie, stanchezza e peggioramenti dello stato di salute.
Il Noni contiene xeronina, ma, ancora più importante contiene il suo precursore la proxeronina, che è ancora più efficace. Anziché fornire al nostro corpo l'alcaloide, la proxeronina consente al corpo di controllare quanta xeronina viene prodotta in modo di espellere la parte in eccesso. Che cosa significa per il corpo? Prima fra tutte le proteine del corpo riescono a svolgere meglio i loro compiti, Heinicke ha scoperto che tutto ciò si traduce in effetti benefici sull'ipertensione, dolori mestruali, artrite, ulcere gastriche, ferite, depressione, arteriosclerosi, senilità, sollievo dal dolore. La xeronina funziona come il miglior antidolorifico agendo sulle endorfine del corpo rendendolo insensibile al dolore, produce sensazioni di euforia, scriveva nei recenti studi Heinicke. Questa conclusione è supportata da studi condotti dall'Università di Metz in Francia, pubblicati in Planta Medica nel 1990. Ricercatori hanno studiato gli effetti del Noni sui ratti durante molti esperimenti e hanno scoperto che non solo ha effetti antidolorifici ma anche sedativi.
Il Noni ed i suoi molteplici componenti potrebbero non essere esattamente ciò che il vostro dottore consiglia, anche se può aiutare nei problemi di salute, viene comunque raccomandato dai nostri vicini sciamani!

NONU
(Morinda Citrifolia)
La straordinaria pianta delle Hawaii e dalle isole del Sud Pacifico

Rita Elkins M.H.

INTRODUZIONE
In questi anni che siamo più interessati agli argomenti riguardanti la salute, il Nonu, una pianta a tutta prova, deve assolutamente essere aggiunto al nostro elenco dei migliori rimedi naturali. L'utilizzazione ultra centenaria di questa pianta sorregge la descrizione di essere un reale toccasana d'azioni terapeutiche. L'emersione del Nonu come efficace agente curativo naturale è alquanto provvidenziale; le piante come il Nonu sono molto richieste per le naturali proprietà farmaceutiche in un periodo in cui la percentuale dei casi di tumore è in continuo rialzo, le malattie degenerative sono assai diffuse ed i ceppi batterici e virali sono sempre più resistenti alle cure moderne.

Tutti noi vogliamo incontestabilmente sapere come:

· Proteggerci dalle tossine e dalle sostanze inquinanti.
· Prevenire i sintomi iniziali delle malattie connesse all'età come l'artrite, affezioni cardiache, diabete e ictus.
· Migliorare le nostre difese immunitarie per poter tutelarci dai nuovi ceppi batterici e virali che sono divenuti antibiotico-resistenti.
· Ridurre il rischio che si sviluppino tumori.
· Digerire meglio il cibo per un'assimilazione più adeguata.

Il Nonu contiene le potenzialità per ottimizzare il sistema immunitario, inibire la crescita tumorale, normalizzare le funzioni fisiologiche a livello cellulare e stimolare la rigenerazione cellulare. Il Nonu sembra possedere l'abilità di aumentare le difese immunitarie, combattere il dolore, ridurre l'infiammazione e purificare il sistema intestinale senza far fronte ai pericolosi effetti collaterali dovuti alla somministrazione di farmaci irritanti. L'uso diffuso tra le varie popolazioni delle regioni delle isole tropicali sostiene la teoria che possiede composti terapeutici molto preziosi per la salute.

Genere
Rubiacea

Nomi Comuni
Gelso Indiano (India), Nonu o Nonu (Hawaii), Nono (Tahiti e Raratonga), Frutto di Cespuglio Polinesiano, Albero Antidolorifico (Isole Caraibiche), Lada (Guam), Mengkudo (Malaysia), Nhau (Asia Sudorientale), Gran Morinda (Vietnam), Frutto Formaggio - Cheesefruit (Australia), Kura (Fiji) e Bumbo (Africa).

Questo è soltanto una piccola campionatura dei nomi in vernacolo per quanto riguarda la Morinda Citrifolia. Quasi tutte le isole nazioni del Sud Pacifico e dei Caraibi adottano un termine per questa pianta molto particolare. In questo opuscolo la chiameremo semplicemente "Nonu" o "M. Citrifolia," e si riferirà in primo luogo al Nonu Hawaiano.

Parti Utilizzate
Ogni parte della pianta Nonu è utile e utilizzabile: i semi hanno un'azione purgativa, le foglie vengono adoperate per le infiammazioni esterne e per alleviare il dolore, la corteccia contiene forti proprietà astringenti e può curare la malaria, gli estratti della radice abbassano la pressione sanguigna, le essenze del fiore attenuano l'infiammazione agli occhi - ma il frutto, con le sue numerose azioni farmaceutiche, è la parte più preziosa della pianta del Nonu.

Descrizione Fisica
La Morinda Citrifolia è tecnicamente un cespuglio o arbusto sempreverde può crescere fino ad altezze da 4 ai 6 metri. Contiene rami ruvidi e rigidi che generano foglie scure, ovali e lucenti. Piccoli fiori bianchi e profumati sbocciano fuori di baccelli a forma di grappolo che producono un frutto dal colore bianco-crema. Questo frutto è carnoso e gelatinoso quando maturo. La polpa del frutto è tipicamente aspra e quando raggiunge la piena maturazione produce un caratteristico odore rancido. Il Nonu racchiude semi che galleggiano per mesi in acqua. Il legno dell'albero Morinda è rinomato per la durezza, la resistenza al sale e per la venatura molto gradevole alla vista.

Caratteristiche
Il Nonu può essere considerato un antibatterico, analgesico, anticongestionante, antiossidante, anticatarrale, antinfiammatorio, astringente, emolliente, emmenagogo, lassativo, sedativo, ipotensivo, purificatore del sangue e tonico.

Componenti Chimici
Il Nonu contiene vari componenti chimici. In primo luogo mostra una notevole esposizione di composti terpeni, tre dei quali - L. Asperuloside, aucubina e glucosio - sono stati identificati dai loro derivati acetili. Sia l'acido capronico che l'acido caprilico sono stati isolati. ¹ In secondo luogo, i frutti di arbusto o cespuglio, una categoria alla quale appartiene il Nonu, sono alquanto consigliati per il fatto di essere un'ottima fonte di vitamina C. ² In terzo luogo, il Nonu Hawaiano è stato associato alla sintesi della xeronina nel corpo che presenta diffuse e significative implicazioni nel campo della salute. Per ultimo, il contenuto alcaloide del frutto di Nonu è considerato essere responsabile per le proprie azioni terapeutiche. Gli alcaloidi mostrano un'ampia gamma di attività farmacologiche e biologiche nel corpo umano. Essi sono composti organici che contengono azoto e che reagiscono con gli acidi per formare i sali che si trovano alla base di moltissime medicine. Infine, le azioni enzimatiche del Nonu costituiscono un rarissimo promotore salutare per le cellule.
Di seguito è riportata un'analisi chimica approfondita di ogni parte della pianta ed i vari componenti chimici:

FOGLIA
· Aminoacidi (che includono alanina, arginina, acidi aspartici, cisteina, cistina, glicina, acido glutammico, istidina, leucina, isoleucina, metionina, fenilalanina, prolina, serina, treonina, triptofano tirosina e valina)
· Antrachinone
· Glucosidi
· Composti fenolici
· Resine
· B-sitosterolo
· Acido ursolico

FIORE
· Acacetina 7-0-D (+)-glucopiranoside
· 5, 7, -dimetil apigenina-4-0-8-D(+)-glucopiranoside
· 6,8,-dimetossi-3-metil antrachinone-1-0-8-ramnosil glucopiranoside

FRUTTO
· Antiossidante
· Alizarina
· Antrachinone
· Acido capronico e caprilico
· Olio essenziale
· B-D-glucopiranosio pentacetato²
· Asperuloside tetra acetato
· Glucosio
· Acido ascorbico (L'alto contenuto d'acido ascorbico [vitamina C] di questa pianta lo rende una fonte di cibo molto prezioso). ³

Il Dr. Ralph Heinicke della "University of Hawaii" è stato lo scopritore di un alcaloide nel frutto di Nonu Hawaiano che ha chiamato proxeronina. Heinicke crede che la proxeronina contiene benefici fisiologici effettivamente apprezzabili ed agisce come precursore della xeronina, un composto cruciale (vedere capitoli successivi). In aggiunta, un composto trovato nel frutto chiamato damnacantale che ha la capacità di inibire certi virus e mutazioni cellulari coinvolte nella formazione dei tumori.

RADICE E CORTECCIA
· Carbonato
· Acido rubiclorico
· Acido crisofanico
· Magnesio
· Sodio
· Morinadadiolo
· Resine
· Steroli
· Clorubina
· Soranidolo
· Fosfato
· Ferro
· Glucosidi
· Morindina
· Rubiadina

Farmacologia
Recenti sondaggi hanno suggerito che il frutto di Nonu esercita un'azione antibiotica. Infatti, una varietà di composti che contengono proprietà antibatteriche (come l'aucubina) sono stati individuati nel frutto. Il 6-D-glucopiranosio pentacetato dell'estratto della frutta non è considerato batteriostatico. I componenti trovati nella frutta hanno mostrato un'azione antimicrobica contro l'Eschirichia coli, Salmonella typhi (ed altri tipi), Shigella paradysenteriae, e Staphylococcus aureus. I composti identificati nella radice hanno capacità di ridurre il gonfiore della membrana mucosa ed abbassare la pressione arteriosa nelle varie ricerche fatte sugli animali.
La proxeronina è un costituente alcaloide trovato nel frutto di Nonu Hawaiano che induce la produzione di xeronina nel corpo. Il Dr. Heinicke, lo scopritore della proxeronina, aveva teorizzato che questo proenzima potesse essere efficace per avviare una serie di proteine cellulari benefiche. Egli indica che i tessuti contengono cellule che possiedono certi siti recettori per la xeronina. Poiché le reazioni che possono avvenire sono varie, diverse azioni terapeutiche sorgono quando la produzione della xeronina s'intensifica e così si spiega perché il Nonu Hawaiano sia efficace per una molteplicità di disturbi apparentemente non collegati fra di loro.
Il damnacantale, un altro composto contenuto nel frutto della pianta di Nonu Hawaiana, ha mostrato l'abilità di bloccare o inibire la funzione cellulare delle cellule RAS, considerati ampiamente essere cellule precancerose.

Sistemi Vitali Bersagliati
I seguenti sistemi vitali hanno tutti subito l'influenza del Nonu: circolatorio, digestivo, respiratorio, apparato tegumentario, endocrino, immunitario, nervoso e scheletrico.

Prodotti Attualmente Disponibili
Le versioni di Nonu attualmente disponibili comprendono il succo, le capsule liofilizzate, la polvere disidratata e l'olio. Gli elementi costitutivi della pianta del Nonu vengono talvolta venduti in combinazione con altri prodotti di erboristeria. Alcuni prodotti contengono una percentuale di frutto, corteccia, radice e semi grazie alle loro individuali proprietà terapeutiche.

Sicurezza
Gli estratti di M. Citrifolia sono sicuri se usati come prescritto; comunque, è sempre meglio che le donne gravide consultino il loro medico prima di prendere qualsiasi tipo di integratore alimentare. Un dosaggio elevato d'estratto di radice potrebbe causare la stitichezza. La somministrazione di Nonu con il caffè, l'alcool o nicotina non è consigliabile.

Usi Suggeriti
Gli estratti di Nonu dovrebbero essere somministrati a stomaco vuoto prima dei pasti. Il processo di digestione potrebbe interferire con il valore medicinale dei composti alcaloidi trovati nel Nonu Hawaiano, specialmente la frutta/polpa. Gli acidi dello stomaco e gli enzimi apparentemente distruggono gli enzimi specifici che liberano il composto della xeronina. L'utilizzo di integratori alimentari che sono stati prodotti dal frutto semi-maturo o verde chiaro è preferibile a quello maturo, biancastro.

NONU: IMPIEGO E STORIA
Il Nonu è una pianta rampicante indigena nelle zone dell'Australia, Malaysia e la Polinesia. E' considerata nativa nell'area dell'Asia sud-orientale sebbene cresca dall'India fino a raggiunger la regione orientale della Polinesia. La Morinda Citrifolia comprende una lunga storia di uso medicinale attraverso tutte queste regioni. E' pensato essere "la pianta medicinale più comunemente utilizzata precedente all'era Europea".
Secoli addietro, il frutto dei cespugli fu introdotto agli indigeni delle Hawaii che successivamente la denominarono "Nonu" e consideravano la polpa e la radice agenti medicinali straordinari. Tra tutti gli agenti botanici Polinesiani del 19mo e 20mo secolo, il Nonu Hawaiano presenta la più grande varietà di applicazioni mediche. I professionisti delle Hawaii e delle isole Samoa usavano il Nonu per dolori gastrointestinali (specialmente la diarrea infantile, la stitichezza ed i parassiti intestinali), indigestione, infiammazione cutanea, infezioni, afta, febbre, contusioni e distorsioni. Gli Hawaiani generalmente preparavano tonici a base di Nonu per curare il diabete, le punture, ustioni ed avvelenamento ittico. L'abilità straordinaria della pianta di purgare il tratto intestinale e promuovere la salute del colon era ben diffusa tra i nativi anziani e guaritori Hawaiani e Tahitiani.
Le osservazioni sul campo riguardante la reputazione del Nonu hanno scoperto che gli usi medicinali erano frequentemente tramandati da madre in figlio. Il Nonu è intrinsecamente collegato alle ricche tradizioni guaritrici della cultura polinesiana. Il fatto che le popolazioni delle Samoa, Tonga, Filippine, Tahiti, India e Guam sono divenute molto familiari con la Morinda Citrifolia e le proprie applicazioni medicinali dimostrano impetuosamente quanto sia una incredibile forza guaritrice della natura.

La Pianta Meraviglia dei Guaritori delle Isole
Comune a tutte le selve e foreste della Malaysia e Polinesia, le regioni collinari delle isole Filippine, il Nonu è stato coltivato attraverso tutte le comunità delle isole del Sud Pacifico per centinaia di anni. L'uso Hawaiano del Nonu ha origine dai viaggi inter-insulari in canoa e l'insediamento datata a molti secoli prima della nascita di Cristo. Questi semi ruvidi hanno la capacità di galleggiare e questo ha contribuito alla distribuzione tra le coste litorali nelle varie regioni delle isole del Sud Pacifico.
Gli studi storici hanno stabilito che alcuni dei primi colonizzatori delle isole Hawaiane arrivarono probabilmente via Tahiti. Le ovvie similarità tra il vernacolo delle isole Hawaiane per le piante ed i nomi Tahitiani ci spinge a credere fortemente circa la teoria delle migrazioni Polinesiane verso le Hawaii.
Le native tradizioni a queste regioni preferì adoperare la Morinda Citrifolia per curare la maggior parte delle malattie e la utilizzarono come fonte di nutrimento durante i periodi di carestia. Il frutto del Nonu è stato riconosciuto per secoli come un eccellente fonte di alimentazione. La gente delle isole Fiji, Samoa e Raratonga usarono il frutto sia nella forma cruda che cotta. Tradizionalmente il frutto veniva raccolto prima della maturazione completa e collocato sotto il sole. Dopo aver maturato, si riduceva tipicamente in poltiglia ed i succhi che ne fuoriuscivano venivano estratti attraverso panno. Le foglie del Nonu venivano utilizzate per la preparazione di un piatto a base di verdure e la resilienza e l'elasticità delle foglie stesse le rendevano desiderabili come involucro per la cottura del pesce.

La Reputazione Medicale del Nonu
I tradizionali rituali elaborati ed i riti di preghiera accompagnavano abitualmente la somministrazione del Nonu. Le culture indigene delle isole Polinesiane erano significativamente consapevoli della loro flora. Per esempio, i nativi Hawaiani mantenevano una tassonomia medico-folkloristica che veniva considerata secondo a nessuna.
Le ricerche indicano che il Nonu era tra i pochi rimedi erboristici che gli isolani consideravano "a tutta prova". Nelle Hawaii, i professionisti addestrati si riservavano il diritto di prescrivere le varie terapie. Le testimonianze e gli archivi mostrano che gli studi professionali medici Hawaiani erano basati su descrizioni approfondite e meticolose sulla sintomatologia e sulle cure erboristiche prescritte. I dosaggi erano controllati e la collezione e somministrazione degli estratti della pianta era accuratamente seguita.
Oltre alla M. Citrifolia, non era insolito che questi dottori erboristi consigliavano utilizzare la papaia ed il kava kava, due piante che vengono comunemente usati oggi. Per di più, i medici Hawaiani sapevano quando e come combinare i vari agenti in modo di poter raggiungere i risultati desiderati. Era, inoltre, d'uso comune amalgamare gli estratti delle piante con olio di cocco per le applicazioni esterne.
Riguardo alle applicazioni per le malattie comuni, gli Hawaiani e le altre comunità isolane prescrivevano tradizionalmente il Nonu per liberare gli intestini, ridurre la febbre, curare le infezioni respiratorie come l'asma, alleviare le infiammazioni cutanee e sanare le contusioni e le distorsioni. In altre parole, il Nonu era ampiamente adoperato e considerato una medicina botanica a tutti gli effetti.

Un'emergenza Opportuna
Oggi, le azioni farmaceutiche naturali dei componenti chimici contenuti nel Nonu stanno emergendo scientificamente come preziose medicine botaniche. Il "Nono" Tahitiano aveva destato l'interesse dei medici professionisti molti decenni addietro. Comunque, grazie all'eventuale emergere dei farmaci sintetici, l'interesse verso quest'isola botanica era diminuito fino a qualche anno fa. Gli etnobotanici stanno riscoprendo nuovamente il motivo per cui gli Hawaiani avevano tesoreggiato e coltivato la Morinda Citrifolia per moltissime generazioni. Il Nonu sta finalmente introducendosi nel mondo degli erboristi occidentali e viene riferito come "la regina" del genere Rubiacea. La capacità di ridurre l'infiammazione alle articolazioni e bersagliare il sistema immunitario ha captato l'attenzione da parte della moderna indagine scientifica.
Le ricerche sul Nonu in qualità di agente anticancerosa sono state molto incoraggianti. I notevoli attributi e gli svariati usi hanno elevato il suo status come una delle migliori erbe curative in circolazione a livello mondiale. Oggi la Morinda Citrifolia è disponibile sotto forma di liquido, succo, capsule liofilizzate, olio ed é considerato come uno degli elementi botanici più preziosi della natura.

USI TRADIZIONALI DEL NONU
In tutte le regioni tropicali ogni parte della Morinda Citrifolia era virtualmente utilizzata per curare le malattie o le ferite. Le proprietà curative della pianta erano ben conosciute ed impiegate in modo dovuto. Patoa Tama Benioni, un membro della tribù Maori delle isole Cook e conferenziere sulle piante isolane, spiega:

Per tradizione i Polinesiani usavano il Nonu sostanzialmente per tutte le cure. Il Nonu è una parte integrante della nostra vita. Qualsiasi ragazzo Polinesiano dirà di averlo utilizzato. Beviamo il succo dalle radici, i fiori e la frutta… mio nonno mi ha insegnato ad adoperare il Nonu dalle radici e dalle foglie per preparare una medicina per uso esterno così come quello interno. Lo usiamo per tutte le malattie come la comune tosse, i foruncoli, le patologie pertinenti alla pelle e tagli vari.

Il seguente è soltanto un elenco parziale su come i guaritori delle isole adoperavano questa pianta pregevole.

· L'impiastro del frutto di Nonu veniva applicato nelle zone di gonfiore, tagli profondi, foruncoli e giunture infiammate per immediato sollievo.
· Le donne della Malaysia usavano il succo di frutta del Nonu ed i decotti della corteccia per stimolare le mestruazioni ritardate.
· Il Nonu veniva frequentemente utilizzato per l'attività antiparassitaria.
· Le malattie respiratorie, la tosse ed il raffreddore venivano curate con il Nonu.
· Un succo prodotto dal frutto, foglie e radici macinate e miscelate con l'acqua veniva somministrato per la diarrea.
· Forme in polvere o liofilizzate della corteccia miscelata con l'acqua e somministrata con un cucchiaio curava la diarrea infantile.
· Piccoli pezzi di frutta e radice infusi con l'acqua venivano somministrati per distruggere i parassiti intestinali.
· I decotti bolliti della corteccia venivano dati come bevanda per malattie allo stomaco.
· La tosse veniva curata con la corteccia grattugiata.
· Il frutto acerbo carbonizzato veniva strofinato con il sale sulle gengive ammalate.
· Il frutto macinato e combinato con il kava e la canna da zucchero veniva utilizzato per curare la tubercolosi.
· Le fresche foglie macinate venivano strofinate sui neonati per curare raffreddori pettorali accompagnate dalla febbre.
· Il collirio veniva prodotto dal decotto dell'estratto dei fiori.
· Gli infusi delle foglie venivano preparati per curare la febbre negli adulti.
· Il collutorio composto dal frutto maturo macinato veniva utilizzato per la cura delle gengive infiammate negli adolescenti.
· Succo di foglie macinate per trattare la gengivite negli adulti.
· Il mal di gola veniva curato masticando le foglie ed ingoiando il succo prodotto.
· Gli accessi della pelle ed i foruncoli venivano coperti con l'impiastro delle foglie.
· Il gonfiore veniva controllato con le macerazioni delle foglie.
· Le foglie riscaldate venivano adoperate l'artrite e per la dermatofitosi.

XERONINA: IL SEGRETO DEL NONU?
Un professionista informato in materia di Nonu è il Dr. Heinicke, un biochimico che ha studiato i composti attivi del frutto di Nonu per numerosi anni. Egli aveva scoperto che il frutto di Nonu Hawaiano contiene un alcaloide precursore ad un composto vitale denominato xeronina. Senza la xeronina la vita cesserebbe.
Nelle vedute del Dr. Heinicke il frutto di Nonu fornisce un modo sicuro ed efficace per aumentare i livelli di xeronina nel corpo, incidendo profondamente sulla salute e protezione delle cellule. La sua ricerca suggerisce che il succo di frutta della M. Citrifolia contiene la proxeronina, un precursore del composto cruciale chiamato xeronina. La proxeronina avvia il rilascio della xeronina nel tratto intestinale dopo essere venuto in contatto con un enzima specifico contenuto anch'esso nel frutto. Questa particolare combinazione chimica, si crede, possa influenzare in modo sostanziale la funzione cellulare in modo positivo.

Regolatore Proteico
Gli studi del Dr. Heinicke sono basati sulla premessa che una delle funzioni principale della xeronina è di regolare la forma e l'integrità di proteine specifiche. Poiché le proteine e gli enzimi svolgono svariati ruoli nel processo delle cellule, la normalizzazione di queste proteine con l'integrazione del Nonu potrebbe innescare una varietà molto ampia di risposte e curare svariati condizioni di malattie. Le proteine sono i più importanti catalizzatori trovati nel corpo. La bellezza di ottenere un precursore per la xeronina dal frutto di Nonu è che il corpo decide in modo naturale quanto di questo precursore si debba trasformare in xeronina. Le malattie, lo stress, la collera, il trauma e le ferite possono diminuire i livelli di xeronina nel corpo, quindi creando una deficienza di xeronina. L'integrazione del succo di Nonu nel corpo è considerato un modo eccellente per aumentare i livelli di xeronina in modo sicuro e naturale. Sono le indagini e le teorie del Dr. Heinicke che hanno reso il succo del frutto di Nonu Hawaiano una vitale sostanza medicinale. Egli scrive:

La Xeronina è un alcaloide, una sostanza che il corpo produce per attivare gli enzimi per far si che funzionino in modo adeguato. Questo stimola e regola il corpo anche. Questo particolare alcaloide non era stato scoperto prima perché è il corpo umano che lo produce, lo utilizza immediatamente e poi lo fiacca. In nessun momento è presente una quantità rilevante e isolabile nel sangue. Ma la xeronina è così importante per il funzionamento delle proteine che moriremmo senza di essa. Questa assenza può causare una molteplicità di malattie.

Poiché tantissime malattie si sviluppano a causa del malfunzionamento enzimatico, il Dr. Heinicke crede che l'utilizzo del frutto di Nonu possa risultare in un'impressionante esposizione di applicazioni curative. Egli crede che noi produciamo la proxeronina durante il sonno. Il Dr. Heinicke propone che se noi forniamo costantemente il nostro corpo con la proxeronina da altre fonti, il bisogno di dormire diminuirebbe.

IL TRATTAMENTO DEL NONU
La lavorazione ed il trattamento della pianta sono importanti, specie per quando riguarda quanti e quali benefici può offrire. Questo è senz'altro vero in materia di Nonu grazie a questi straordinari enzimi ed alcaloidi. La Morinda Citrifolia dovrebbe essere raccolta quando il frutto cambia dal colore verde scuro non maturato al colore verde chiaro, e senza dubbio prima che diventi bianco e semitrasparente, raggiungendo la piena maturazione. Una volta raccolto, il Nonu, come l'aloe, denaturerà molto velocemente grazie agli enzimi molto attivi. Dopo la raccolta dovrebbe essere rapidamente cosparso di ghiaccio. Questo procedimento è molto simile a quello della pesca in modo che il pesce rimanga sempre fresco e inodore, inoltre, il frutto non perderà la sua efficacia e non danneggerà i vari componenti.
La migliore integrazione del nonu è quello in forma polverizzata e liofilizzata. Il procedimento di liofilizzazione rimuove soltanto l'acqua senza distruggere gli enzimi vitali della pianta e gli altri elementi fitonutrienti come la xeronina e la proxeronina. La genuina polvere del succo di frutta di Nonu ad alta qualità è un estratto 4/1, cioè si useranno quattro chilogrammi di frutto di Nonu per ottenere un chilogrammo di polvere liofilizzato. Questa polvere verrà in seguito incapsulata (è solamente succo di frutta senz'acqua!). Questo processo è molto importante perché i tipici succhi di frutta di Nonu contengono 88% di acqua; bisognerebbe letteralmente bere decine di litri di succo per ricavare gli stessi benefici come quello sotto forma liofilizzata. La maggior parte dei succhi di Nonu disponibili sul mercato sono trattati commercialmente e contengono acqua, succhi di frutta e conservanti aggiunti. Tradizionalmente il succo di Nonu ha un sapore molto forte ed un odore ripugnante, simile a quello del frutto stesso.
Altri metodi di trattamento sono il procedimento termico, la disidratazione e l'essiccamento ad aria. Il trattamento termico è generalmente trovato nei liquidi, mentre la versione disidratata è quello macinato ed incapsulato. Sfortunatamente entrambi i metodi utilizzano calore elevato (45° C+) che potrebbe neutralizzare molti dei componenti vitali che rendono il Nonu così importante. L'essiccamento ad aria calda è efficace senza l'utilizzo di calore lesivo ma presenta problemi di controllo di qualità dovuti alla produzione commerciale.

LE APPLICAZIONI MODERNE DEL NONU
Vedute Complessive

Il Nonu possiede un'ampia varietà di proprietà medicinali che scaturiscono dalle diverse componenti della pianta. Questo frutto e le foglie dell'arbusto esercitano attività antibatteriche. Le radici promuovono l'espulsione della mucosa ed il restringimento di membrane gonfie, rendendolo così un ideale prodotto terapeutico per la congestione nasale, infezioni polmonari ed emorroidi. I componenti della radice del Nonu hanno anche mostrato naturali proprietà sedative come anche la capacità di abbassare la pressione arteriosa. Gli estratti delle foglie riescono a rallentare l'eccessivo flusso del sangue o inibire la formazione di grumi di sangue. Il Nonu è particolarmente utile per la propria abilità di curare dolorosissime condizioni alle articolazioni e di alleviare le infiammazioni cutanee. Tantissime persone somministrano gli estratti del frutto di Nonu per l'ipertensione, mestruazioni dolorose, artrite, ulcere gastriche, diabete e depressione. Recenti studi suggeriscono che l'attività anticancerosa potrebbe essere presa in considerazione.
Per quanto riguarda il potenziale terapeutico del frutto di Nonu Hawaiano, il Dr. Heinicke scrive:

Ho verificato che i componenti trovati nel Nonu fa miracoli. Quando stavo ancora studiando le varie possibilità, avevo un amico ricercatore medico che aveva somministrato la proxeronina ad una donna in stato di coma da tre mesi. Due ore dopo aver ricevuto il composto, la donna si era tirata su ed aveva chiesto dove si trovava… Il Nonu è probabilmente la fonte migliore di proxeronina che possediamo oggi.

Gli studi ed i sondaggi si combinano insieme per sostenere la capacità del Nonu di agire come immunostimolante, inibire la crescita di certi tumori, accrescere e normalizzare la funzione cellulare e incrementare la rigenerazione dei tessuti. Il Nonu è considerato un potente purificatore del sangue e contribuisce all'omeostasi complessivo.

Succo di Nonu: Miracolo Molecolare?
Il Dr. Heinicke crede inoltre che i componenti specifici al succo di frutta di Nonu agiscano per realmente riparare le cellule danneggiate a livello molecolare. Il contenuto di proxeronina di Nonu aumenta la produzione di xeronina nel corpo che sembra essere capace a regolarizzare la forma e l'integrità di alcune proteine che contribuiscono individualmente alle specifiche attività cellulari.
Alcuni ricercatori credono che la xeronina è meglio ricavata da un composto precursore trovato nel succo di frutta di Nonu.

Cancro
Uno studio condotto nel 1994 fatto come riferimento l'attività anticancerosa della Morinda Citrifolia contro il cancro ai polmoni. Un'équipe di scienziati della "University of Hawaii" utilizzò topi da laboratorio vivi per poter esaminare le proprietà medicinali del frutto contro i carcinoma polmonari di Lewis che erano stati trasferiti artificialmente al tessuto polmonare. I topi non trattati morirono dopo 9 - 12 giorni. Comunque, la somministrazione del succo di Nonu con dosaggi giornalieri consistenti aveva prolungato in modo significativo la durata della loro vita. Quasi la metà di questi topi vissero per più di cinquanta giorni. Le conclusioni della ricerca affermavano che i componenti chimici del succo agivano indirettamente spingendo la capacità del sistema immunitaria a dover affrontare la malignità invasore incoraggiando l'attività linfocita e macrofagica. Ulteriori valutazioni teorizzavano che questi rari componenti chimici della Morinda Citrifolia promuoveva l'aumento dell'attività della cellula T, una reazione che potrebbe spiegare la capacità del Nonu a curare una grande varietà di malattie infettive.
In Giappone, studi similari sugli estratti del Nonu hanno accertato che il damnacantale, una composto trovato nella Morinda Citrifolia, è in grado di inibire la funzione delle cellule K-RAS-NRK, considerati precursori di certi tipi di malignità. L'esperimento comportava ad aggiungere l'estratto della pianta del Nonu alle cellule RAS ed incubandoli per un numero limitato di giorni. Quest'osservazione ha svelato che il Nonu era capace di inibire in modo tangibile la funzione delle cellule RAS. Tra 500 estratti di piante, la Morinda Citrifolia era quella che conteneva i composti più efficace per combatter le cellule RAS. Il contenuto di damnacantale veniva clinicamente descritto nel 1993 come "un nuovo inibitore della funzione RAS".
Il fattore xeronina indica inoltre che la xeronina aiuta a normalizzare il modo in cui si comportano le cellule maligne. Mentre sono ancora tecnicamente cellule cancerogene essi non si comportano più come cellule con crescita incontrollabile. Nel tempo il sistema immunitario del corpo potrebbe essere in grado di sradicare queste cellule.

Artrite
Secondo le teorie del Dr. Heinicke, il collegamento xeronina trovato nel frutto di Nonu Hawaiano ha l'attitudine di "aiutare a curare varie manifestazioni di malattie come il cancro, la senilità, l'artrite e la pressione sanguigna alta e bassa". Esami aneddotici hanno verificato che il Nonu allevia ripetutamente il dolore delle articolazioni collegate alla malattia artritica. Un legame al dolore artritico può essere l'incapacità di digerire correttamente o completamente le proteine che potrebbero allora formare depositi cristallini nelle giunture. La capacità del frutto di Nonu Hawaiano di aumentare la digestione proteica attraverso l'intensa funzione enzimatica può agevolare ad eliminare questo fenomeno particolare.
Inoltre, i componenti alcaloidi e metaboliti delle piante del Nonu potrebbero essere collegate all'apparente azione antinfiammatoria. Gli steroli delle piante possono assistere durante l'inibizione del responso inibitorio che causa il gonfiore ed il dolore. L'effetto antiossidante del Nonu può agevolare a diminuire il danno dei radicali liberi nelle cellule delle giunture che possono esacerbare sconforto e degenerazione.

Il Sistema Immunitario
L'alcaloide e gli altri composti chimici trovati nel Nonu hanno dimostrato di controllare efficacemente oppure di sopprimere più di sei tipi di ceppi batterici infettivi come l'Eschirichia coli, salmonella typhi (ed altri tipi), shigella paradysenteriae, e staphylococcus aureus. Inoltre, il damnacantale riusciva ad inibire la prima fase antigene del virus Epstein-Barr.
I componenti bioattivi dell'intera pianta, combinati insieme o in porzioni separate, hanno dimostrato la capacità di inibire diversi ceppi di batteri. Relazioni aneddotiche sostengono quest'azione, cioè che il Nonu sembra particolarmente efficace ad accorciare la durata di certi tipi di infezioni. Questo potrebbe spiegare il motivo perché il Nonu viene comunemente utilizzato per curare i raffreddori e l'influenza.
I componenti chimici trovati nel Nonu testimoniano la possibilità che essi stimolino la produzione di xeronina - così come avviare la terapia alcaloide - potrebbero spiegare la reputazione del Nonu che contiene proprietà immuno-stimolatorie. Gli alcaloidi sono stati atti a stimolare la fagocitosi che è il processo in cui certi leucociti chiamati macrofagi attaccano e letteralmente digeriscono gli organismi infettivi. L'azione antitumorale del Nonu è stata attribuita ad una risposta del sistema immunitario che è coinvolto alla stimolazione delle cellule T.

Stimolante Nutritivo
La maggior parte degli studi suggeriscono che, poiché i componenti della Morinda Citrifolia permettono al sistema immunitario di funzionare in modo più efficace, la somministrazione del Nonu in forme concentrate potrebbe potenziare la salute e le altre prestazioni in generale. Questi componenti sembrano avere la capacità di incrementare l'assorbimento, l'assimilazione e l'utilizzazione delle vitamine e dei minerali. La presenza della proxeronina nel Nonu promuove l'aumento della xeronina nel tratto intestinale che permette alle pareti degli intestini di assorbire in modo più efficiente le varie sostanze nutrienti, specialmente gli aminoacidi. Le vitamine agiscono in modo sinergico con la xeronina in modo da poter alimentare tutti i sistemi che fanno parte del corpo.
Inoltre, gli estratti delle foglie della pianta contengono una quantità rilevante di proteine e la frutta racchiude un contenuto sostanziale di acido ascorbico. Per anni il frutto della Morinda Citrifolia è stato considerato l'alimento base nella Polinesia. A quanto pare, anche i soldati impiegati nelle regioni tropicali durante la Seconda Guerra Mondiale diventarono consapevoli della capacità del frutto di stimolare la forza di resistenza e la tenacia. Civiltà indigene delle Samoa, Tahiti, Raratonga e Australia utilizzavano il frutto nelle forme cotte e crude. La Morinda Citrifolia è considerata un tonico ed è specialmente consigliabile per le condizioni più debilitanti.

Antiossidante
Il processo d'invecchiamento bombarda il corpo con radicali liberi che possono causare una miriade di malattie degenerative. La teoria della xeronina promossa da parte del Dr.Heinicke sostiene che mentre invecchia il nostro corpo, perdiamo la capacità di sintetizzare la xeronina. A peggiorare la situazione bisogna accettare la presenza di moltissime tossine ambientali che realmente bloccano la produzione di xeronina. Heinicke crede che il contenuto di proxeronina nel succo di frutta di Nonu Hawaiano può aiutare ad arrestare queste azioni, agendo come una sostanza antinvecchiamento.
Le sostanze fitonutrienti trovate nel Nonu agevolano la promozione dell'alimentazione e protezione delle cellule dai radicali liberi creati dall'esposizione all'inquinamento ed altri agenti potenzialmente pericolosi e letali. La Morinda Citrifolia, inoltre, contiene selenio, uno dei migliori componenti antiossidante disponibile oggi.

Diabete
Mentre le ricerche scientifiche scarseggiavano per quanto riguarda il Nonu in questa particolare applicazione, gli Hawaiani adoperavano varie parti della pianta ed il frutto per curare i disturbi dovuti alla glicemia. Recenti ricerche aneddotiche hanno approvato che il Nonu è attualmente raccomandabile per chiunque soffre di diabete.

Antidolorifico
Uno studio del 1990 ha rivelato che gli estratti derivati dalla radice della Morinda Citrifolia mostrano la capacità di sopprimere il dolore negli esperimenti eseguiti sugli animali. Era durante questa ricerca che l'azione sedativa naturale della radice veniva evidenziata. Questo studio comprendeva un'équipe di scienziati francesi che si accorsero di una considerevole attività analgesica centrale nei topi da laboratorio. Il Dr. Heinicke asserì: "La xeronina agisce anche come antidolorifico. Un uomo diagnosticato con un tumore intestinale in stato avanzato aveva ancora tre mesi di vita, egli iniziò a somministrarsi la proxeronina e visse per un anno intero, senza dolori".

Agente Curativo della Pelle
Uno degli usi storici prevalenti del Nonu era in forma di poltiglia per sanare le ferite, tagli, abrasioni, ustioni e contusioni. Usando gli estratti del frutto per ustioni gravi risultavano guarigioni straordinarie. La cute è fatta di proteine, risponde immediatamente alla presenza di xeronina. Quando la pelle è traumatizzata o screpolata la proxeronina s'infiltra nelle regioni affette dalle parti circostanti e la sintesi della xeronina successivamente s'innalza, dando luogo alla guarigione ed alla rigenerazione del tessuto. Le ustioni sono specialmente vulnerabili a questo processo biochimico. In conseguenza, l'aumento della produzione di xeronina nella zona dell'ustione con l'applicazione diretta di un impiastro di Nonu è considerato alquanto efficace secondo il Dr. Heinicke e altri colleghi che ne hanno studiato la terapia enzimatica. Per quanto concerne le ustioni, egli scriveva:

Credo che tutti i tessuti abbiano cellule contenenti proteine con siti ricettori per l'assorbimento di xeronina. Alcuni di queste proteine sono forme inerti di enzimi che richiedono l'assorbimento di xeronina per poter diventare attivi. Questa xeronina, convertendo il sistema di procollagenasi del corpo in una specifica peptidasi, rimuove tranquillamente e velocemente il tessuto morto dalle ustioni.

Tossicodipendenza
Il legame della xeronina nelle cure della tossicodipendenza è basato sulla nozione che inondando il cervello con Nonu aggiuntivo può invertire le fondazioni per cui si è portati all'assuefazione ed alla tossicomania. Questo alcaloide naturale è pensato a normalizzare i ricettori cerebrali che successivamente risultano nella cessazione della dipendenza fisiologica su alcune sostanze chimiche come la nicotina. La potenzialità del Nonu Hawaiano come stimolatore naturale per la produzione di xeronina può aver trovato profonde implicazioni verso la cura di vari tipi di tossicodipendenze.

Agenti Complementari del Nonu

· Kava kava
· Papaia
· Pau d'arco
· Bioflavonoidi
· Germanio echinaceo
· Aloe vera
· Artigli di gatto
· Cartilagine di squalo
· Selenio
· Estratto di seme d'uva
· Enzimi proteolitici
· Glucosamina

Applicazioni Primarie del Nonu

· Abrasioni
· Arteriosclerosi
· Foruncoli
· Ustioni
· Sindrome di fatica cronica
· Herpes labialis
· Congestione
· Depressione
· Infiammazione agli occhi
· Fratture
· Gengivite
· Alta pressione arteriosa
· Indigestione
· Malattie renali
· Mestruazioni irregolari
· Disturbi respiratori
· Sinusite
· Distorsioni
· Tumori
· Artrite
· Infezioni alla vescica
· Disturbi intestinali
· Cancro
· Circolazione debole
· Raffreddori
· Stitichezza
· Diabete
· Febbre
· Ulcere gastriche
· Cefalee
· Sistema immunitario
· Parassiti intestinali
· Crampi mestruali
· Afta
· Dermatofitosi
· Infiammazione cutanea
· Mughetto
· Ferite

CONCLUSIONI
Non vi è alcun dubbio che la dispersione geografica estesa ed il vastissimo uso della Morinda Citrifolia nelle regioni tropicali, dimostra e testimonia, l'attendibilità che offre questa preziosissima medicina d'erboristeria. Mentre ulteriori ricerche sugli attributi biochimici sono garantite, ciò che è già emerso fornisce convalidazione sostanziale sul proprio valore medicinale. Le teorie enzimatiche del Dr. Heinicke garantiscono studi supplementari, ma la sua ricerca e la sua esperienza hanno effettivamente innalzato lo status della pianta di Nonu come una fonte di guarigione straordinaria. Ciò che le civiltà delle isole del Sud Pacifico sapevano e praticavano per generazioni dovrebbe essere incorporato nella ricerca moderna per il totale sradicamento delle malattie, premiando il completo avanzamento della salute dell'umanità.

Studi Pubblicati sulla Morinda Citrifolia

Abbott, I. con Shimazu, C., (1985) "The Geographic Origin of the Plants Most Commonly Used for Medicine by Hawaiians," Journal of Ethnopharmacology numero 14, pagine 213-222.
Abbott, I.A., (1992) La`au Hawai`i: Traditional Hawaiian Uses of Plants, Bishop Museum Press, Honolulu, Hawaii, numero 3.
Bushnell, O.A., Fukuda, M., Makinodan, T., (1950) "The Antibacterial Properties of Some Plants Found in Hawaii," Pacific Science numero 4, pagine167-183.
Elliot, S. e Brimacombe, J., (1987) "The Medicinal Plants of Gunung Leuser National Park, Indonesia," Journal of Ethnopharmacology numero 19.
Hiramatsu, T., ed altri, (1993) "Induction of normal phenotypes in ras-transformed cells by damnacanthal from Morinda citrifolia", Cancer Letters volume 73, pagine 161-166.
Hirazumi, A., (1992) "Antitumor Activity of Morinda Citrifolia on IP Implanted Lewis Lung Carcinoma in Mice," Proceedings, Annual Meeting of the American Association for Cancer Research volume 33.
Krauss, B., (1993) Plants in Hawaiian Culture, University of Hawaii Press, Honolulu, Hawaii.
Levand, O. e Larson, H.O., (1979) "Some Chemical Constituents of Morinda Citrifolia," Planta Med numero 36, pagine 186-187.
Neal, M., (1965) In Gardens of Hawai`i, Bishop Museum Press, Honolulu, Hawaii .
Singh, Y., Ikahihifo, T., Panuve, M., Slatter, C., (1984) "Folk Medicine in Tonga. A Study on the Use of Herbal Medicines for Obstetric and Gynecological Conditions and Disorders" Journal of Ethnopharmacology numero 12, pagine 305-325.
Tabrah, F.L. e Eveleth, B.M., (1966) "Evaluation of the Effectiveness of Ancient Hawaiian Medicine," Hawaii Medical Journal numero 25, pagine 223-230.
Whistler, W.A. (1985) "Traditional and Herbal Medicine in the Cook Islands," Journal of Ethnopharmacology numero 13, pagine 239-280.
Whistler, W. (1992) Tongan Herbal Medicine, Isle Botanica, Honolulu, Hawaii.

Per gentile concessione di Humberto Novara
Copyright (C ) Noni Italia 2000
è vietata la pubblicazione anche parziale

PER QUALSIASI INFORMAZIONE:
Humberto Novara

Sito Internet: noni
hansss@hotmail.com

 

 

 
scheda tecnica della pianta (in inglese)
 

 

Fonte: http://digilander.libero.it/noni/

(Morinda Citrifolia)

 
di Steve Schetchter, N.D., H.H.P.(naturopata)
Tratto da: Total Health Magazine (USA)
 
L'albero Morinda Citrifolia sta provocando entusiasmo nel mondo dell'industria del benessere naturale. La Morinda Citrifolia, conosciuta nelle Isole del Sud Pacifico come Nonu e Nono, viene comunemente riferito come Noni. Il Nonu reca giovamento per la prevenzione e/o per l'autotutela del proprio benessere da un'ampia gamma di problemi riguardanti la salute.
I vantaggi diffusi del Nonu sono stati constatati per tutte le isole dei Caraibi e del Sud Pacifico e dappertutto in Cina. Durante la dinastia degli Han in Cina, duemila anni fa, esistevano documenti scritti per quanto riguarda i benefici del Nonu. La pianta del Nonu è stata usata per più di 1.500 anni dagli indigeni Polinesiani come il più importante rimedio per la salute.
Delle tantissime piante che crescono rigogliosamente in queste isole, la "madre" di tutte le piante curative è il Nonu, conosciuto come Noni in alcune delle altre isole. Sebbene il Nonu cresca dovunque nelle isole del Sud Pacifico, il Nonu di qualità
superiore cresce meglio nella terra sommersa da cenere vulcanica altamente nutriente e che si trova nelle isole esotiche di Tonga, Figi, Tahiti, Marquesas, Cook, Salomone, Samoa e le Hawaii con il loro splendido clima lussureggiante ed acque incontaminate.
Per più di 2000 anni i guaritori Polinesiani hanno fatto uso di foglie, radici, cortecce, fiori e frutti del Nonu in modo da poter preparare rimedi efficaci per le centinaia di malattie che minacciavano la salute. Il Nonu viene considerata la "pianta sacra". Dai secoli dei miracoli nel mondo naturale alle accurate indagini nei laboratori scientifici, il Nonu ha prodotto risultati incredibili. Il Nonu contiene vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici, co-fattori e steroli di piante che si presentano ed appaiono in modo naturale. Inoltre, le foglie e le radici del Nonu contengono l'intero spettro degli aminoacidi rendendo tutti i prodotti che ne derivano una perfetta e completa fonte proteica.
Perché funziona tanto bene il Nonu? Io credo che sia un favorevole effetto sinergico di tutti questi potenti ingredienti naturali che lavorano insieme tra loro come una squadra od orchestra perfetta ed in armonia. Altri affermano che contiene l'alcaloide xeronina e il suo enzima necessario che è la proxeronase. Nessuno sa esattamente perché il Nonu offre tantissimi benefici in materia di salute. Il punto focale da ricordare è che il Nonu funziona. Ugualmente importante è l'approfondita ricerca scientifica che conferma l'efficacia e la sicurezza del Nonu.
I Kahunas o gli appassionati di medicina tradizionale usano questa pianta per una grande varietà di problemi di salute come il sollievo dal dolore, la sinusite, artrite, disturbi alla digestione, raffreddori, influenza, encefaliti (anche emicrania), infezioni varie, problemi mestruali, ferite, malattie cutanee, cardiopatia, diabete II e molte altri disfunzioni e malesseri.
L'albero del Nonu cresce dai 3 ai 6 metri in altezza. Le lucenti foglie venate sono verde scuro e ricche di clorofilla. I Kahunas spesso ammorbidivano le foglie sopra una fiamma all'aria aperta, le lasciavano raffreddare e le applicavano sulla pelle per curare i tumori o le infezioni.
I molteplici usi medicinali del Nonu divennero parte del folklore in quanto gli indigeni alludevano al Nonu come "l'albero della cefalea" e "l'albero antidolorifico". I Kahunas erano talmente coronati dal successo nell'utilizzare questo dono della botanica che questa pianta era diventata la forma principale di medicina per i Polinesiani per più di 1.500 anni. Il Nonu era identificato e riconosciuto come "l'erba sacra" per il corpo rigenerante. Questa saggezza curativa veniva trasportata di generazione in generazione.
Nel diciannovesimo secolo, gli erboristi tradizionali delle isole del Sud Pacifico spesso facevano le loro ricerche insieme ad altri maestri e mentori per 15 o 20 anni di continuo. Per causa della lunga durata ed intensità
di tirocinio e preparazione, il grado di preparazione medica ottenuto era considerato uguale a quello dei medici che provenivano da altre parti del mondo. Una volta completato il tirocinio e raggiunto un livello avanzato di competenza, veniva riconosciuto al "medico" il titolo di Kahuna, adottato generalmente per denominare i sacerdoti e professionisti. I medici Kahuna comprendevano erboristi (kahuna la'au lapa'au), chirurghi, ostetrici e massoterapisti. 
Questi Kahunas conoscevano e rispettavano la natura ed "… erano esperti altamente specializzati con esperienza ed abilità considerevole nel campo della diagnosi fisica e della farmacologia", secondo una relazione pubblicata nella Hawaii Medical Journal.
Comunque, non sono soltanto i maestri Kahuna che concordano circa il grande valore del Nonu. La Dottoressa Isabella Abbott, professore alla University of Hawaii affermava "… usatelo per il diabete, la pressione del sangue, i tumori e molte altre malattie".
Il Nonu fa riserva di molteplici usi tradizionali che solamente adesso vengono confermati dalla scienza moderna.
Sono state condotte ricerche sul Nonu nelle istituzioni di primo piano in Francia, Paesi Bassi, Germania, Eire, Taiwan, Austria e Canada. Sono stati trascorse ore interminabili di sperimentazione alla University di Hawaii negli Stati Uniti. La ricerca sulla Morinda Citrifolia è stata anche eseguita nella prestigiosa National Academy of Sciences, il centro nazionale governativo per la ricerca nel campo delle scienze.
Le ricerche attuate nei paesi occidentali per quanto riguarda questa pianta straordinaria risalgono al 1950 quando la rivista scientifica Pacific Science ha osservato che il frutto del Nonu presentava delle proprietà antibatteriche contro M. Pirogeno, Ps. Aeruginosa e perfino il letale E. Coli.
Da quel momento la ricchezza d'informazione che sosteneva gli usi tradizionali ed i benefici salutari del Nonu è cresciuta tantissimo e tutto sembra confermare ciò di cui i Kahunas erano già a conoscenza da migliaia di anni.
Una sperimentazione approfondita ha mostrato le proprietà analgesiche (antidolorifiche) del Nonu. Ricerche ripetute da parte di esperti e documentate nella rivista Planta Medica (56(1990)430 4) ha reso manifesto che il Nonu reca tanto giovamento per i dolori.
La rivista Cancer Letter (73 (2-3) 1993, 161 6), aveva reso noto che la Keio University e la Institute of Biomedical Sciences in Giappone avevano rivendicato l'isolamento di un nuovo composto antrachinone da parte della Morinda Citrifolia chiamato damnacantale che provocava una morfologia normale ed una struttura citoscheletrica nelle cellule precancerose. In termini poveri, il Nonu ha invertito le cellule precancerose in normali cellule sane.
Ricerche significative sugli usi medicinali del Nonu sono state presentate durante l'ottantatreesimo, l'ottantaquattresimo e l'ottantacinquesimo convegno annuale della American Association for Cancer Research. Una relazione di grande riferimento presentata nel 1992 all'ottantatreesimo convegno a San Diego in California e redatto nel "Proceeding of the American Association for Cancer Research" era la seguente: "L'Attività antitumorale della Morinda Citrifolia sul carcinoma polmonare di Lewis innestato per via intraperitoneale nei topi". In questo studio, i topi da laboratorio sono stati impiantati con il carcinoma polmonare di Lewis, un tipo di tumore. Tutti i topi non curati sono morti entro 9 12 giorni a causa del tumore. I topi trattati con il Nonu vissero dal 105% al 123% più a lungo; circa il 40% di questi topi sono rimasti in vita per più di 50 giorni. Quest'indagine fu ripetuta per un numero illimitato di volte ed ogni volta il Nonu si manifestava a prolungare in modo significativo la vita dei topi malati contro quelli che non avevano avuto il Nonu. Detto semplicemente, il Nonu può
inibire la crescita tumorale.
Gli studi indicano che il Nonu è utile per una miriade di condizioni:
· Produce effetti unici antidolorifici ed antinfiammatori. 
· Regola la funzione cellulare e la rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate. Poiché il Nonu sembra operare a livello cellulare di base, è utile per una grande varietà di condizioni.
· Elimina e lotta contro molti tipi di batteri, come E. Coli.
· Stimola la produzione delle cellule T nel sistema immunitario. (Le cellule T svolgono un ruolo chiave nello sconfiggere ed annientare le malattie).
· Inibisce la crescita dei tumori cancerosi. Il damnacanthale, un composto trovato nella Morinda Citrifolia fu scoperto per inibire la funzione precancerosa. 
· Genera proprietà adattogeniche. 
· Stimola ed intensifica il sistema immunitario, compresi i macrofagi e componenti linfocitari vitali dei leucociti e dei meccanismi di difesa naturale del corpo.
Come terapeuta, ho personalmente notato che la Morinda Citrifolia genera profondi e rilevanti benefici curativi e medicamentosi verso la prevenzione e autotutela dei tantissimi problemi riguardante la salute.
Nonu ed il dolore
Il frutto del Nonu è stato adoperato per lungo tempo in modo efficace e sicuro per alleviare il dolore. Ricordate, due nomi tradizionali del Nonu erano "l'albero antidolorifico" e "l'albero della cefalea". Io ho trattato pazienti che soffrivano di dolori cronici dovuti a svariati fattori con il succo di Nonu. Inoltre, conservo moltissime testimonianze di persone che risiedono negli Stati Uniti e che hanno utilizzato il Nonu con successo per liberarsi dai dolori debilitanti. 
In aggiunta alle migliaia e migliaia d'anni di uomini che usano con successo il Nonu per i dolori, la ricerca scientifica documenta gli effetti benefici del Nonu sul dolore. Nel 1990, i ricercatori hanno scoperto che "la somministrazione dell'estratto di Morinda Citrifolia mostrava una significativa attività analgesica centrale nei topi relativa al dosaggio (generalmente, più ne prendi, più forte gli effetti S.S.)". Un analgesico è una sostanza che riduce o elimina il dolore. I ricercatori proseguirono a sostenere che l'estratto di Nonu "non mostra alcun effetto tossico". Io ho notato che la Morinda Citrifolia cura dolori cronici intollerabili come le cefalee debilitanti, i dolori neuro-muscolari e delle articolazioni. In alcuni casi i risultati erano sorprendentemente veloci.
E' importante ricordare che il Nonu agisce bene come ottimo analgesico e antinfiammatorio. Il Nonu contiene due dei migliori antiossidanti - la vitamina C ed il selenio oltre alle altre sostanze che agiscono contro i radicali liberi irritanti ed infiammatori nel corpo, riducono l'infiammazione e diminuiscono il dolore notevolmente.
Mitch Tate, fondatore del Center for Lifestyle Disease e di Nonu International, Inc., è riconosciuto come il "padre del Nonu moderno" ed è un educatore sulla salute. Secodo Mitch, migliaia di persone in tutto il mondo che utilizza il Nonu stanno ricevendo sollievo naturale per le loro "sfide" nel campo della salute. Il Nonu era virtualmente sconosciuto fuori dalle isole del Sud Pacifico ma tutto questo è cambiato quando Mitch e sua moglie Laura hanno trascorso una vacanza a Tahiti nell'agosto del 1994.
Mitch stesso ha sperimentato gli effetti della pianta quando si era ferito la spalla contro una scogliera corallina ed adoperò una foglia di Nonu schiacciata come "cerotto". Incredibilmente, il dolore scomparve ed il taglio profondo si sanò velocemente senza infezione e senza lasciare cicatrice.
La tecnologia moderna ha confermato ciò che i guaritori Polinesiani sapevano da tempo. La Morinda Citrifolia è ricca di vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, alcaloidi benefici co-fattori e steroli di piante. Fornisce anche composti di rafforzamento della salute come gli antiossidanti, i fitonutrienti ed i bioflavonoidi. 
Steve Schetcher, N.D., H.H.P., è un medico naturopata, esperto della salute solistica, consulente e autore. Dirige la Natural Healing Institute, Inc., una clinica di naturpatia riconosciuta a livello mondiale che si trova a Encinitas, California. Lui è, inoltre, l'autore di testi bestseller come Fighting Radiation and Pollutants with Foods, Herbs and Vitamins (Come combattere le radiazioni e le sostanze inquinanti con i cibi, le erbe e le vitamine) Documented Natural Remedies That Boost Your Immunity and Detoxify (Vitality Ink., Encinitas, CA). (Rimedi naturali documentati che aumentano la vostra immunità e disintossicano). 

Oltre ai benefici documentati elencati sotto, ci sono altre in aggiunta che comunque non sono ancora confermate dalle ricerche eseguite.
 

  •  

    Dolore 

    Cefalee 

    Diarrea 

    Vermi Intestinali 

    Tenia 

    Infezioni Polmonari 

    Disturbi agli Occhi 

    Febbre con Vomito 

    Gengivite 

    Mal di Gola con Tosse 

    Micosi Orale 

    Accessi 

    Tessuto Precanceroso 

    Tumore al Polmone 

    Ipertensione 

    Diabete II 

    Artrite 

    Antibiotico 

    Antimicrobico 

    Dolori Addominali 

    Mal di Schiena 

    Spasmo Tonico dopo la Gravidanza 

    Infezione alla Bocca 

    Mal di Denti (Odontalgia) 

    Ferite e Fratture 

    Foruncoli 

    Disturbi al Tratto Urinario 

    Gonfiore Addominale 

    Ernia Diaframmatica Perdita di Appetito 

    Inibisce Virus Epstein-Barr nelle fasi iniziali 

    Funzioni del Nonu 

    Riduce il dolore (analgesico) 

    Riduce l'infiammazione (antinfiammatorio) 

  •  

    Rafforza il sistema immunitario 

    Pulisce il tratto gastrointestinale senza effetti collaterali dovuti ai farmaci 

    Regola la funzione cellulare 

    Rigenerazione cellulare delle cellule danneggiate 

    Funziona a livello molecolare per riparare le cellule danneggiate 

    Migliora e aumenta il trasporto di ossigeno 

    Aumento notevole di energia 

    Migliora gli umori 

    Antibatterico 

    Anticatarrale 

    Anticongestivo 

    Astringente 

    Purifica il sangue 

    Emolliente 

    Diminuisce la pressione del sangue 

    Emmenagogo (Regola il ciclo mestruale) 

    Lassativo 

    Tonico 

    Inibisce la crescita dei tumori 

    Regolatore enzimatico e proteico 

    Produce benefici rapidi e potenti 

  • E' importante far rilevare che alcuni dei costituenti attivi del Nonu sono solubili quindi tendono ad essere eliminati tramite l'urina o la sudorazione. Uno studio ha mostrato che i costituenti del frutto del Nonu raggiungono la loro massima funzione curativa due ore dopo l'ingestione ed iniziano ad indebolirsi dopo quattro ore, eppure sono ancora attivi anche dopo 12 ore. Le implicazioni di questo studio concordano con le mie osservazioni cliniche che per ottenere i massimi benefici è consigliabile somministrare il Nonu (succo, capsule ecc.) parecchie volte a giorno in dosaggi scaglionati o divisi piuttosto che una o due volte al giorno. Ancora più importante, per ottenere risultati ottimali è meglio somministrare il Nonu, come altri tonici o erbe, continuamente e giornalmente come è sempre stato fatto tradizionalmente.

    Una testimonianza: un caso di glioblastoma curato con il noni 
    (la testimonianza tradotta in italiano)

    Recenti studi sul Noni (in inglese)
    Altre testimonianze
    http://www.noni-is-good-for-you.com/View.asp?TestID=88

    http://www.zea-mays.it

    Altre informazioni sul noni